McDonald's Italia - le origini


Il primo ristorante italiano fu aperto il 15 ottobre 1985 a Bolzano nella centrale piazza Walther von der Vogelweide dove ha chiuso il 4 luglio 1999. 

Il secondo (9007° nel mondo) è stato inaugurato a Roma nei pressi di piazza di Spagna il 20 marzo 1986.

Ciò nonostante, nel ristorante romano una targa annuncia che si tratta del «primo ristorante»: effettivamente già negli anni '70 la catena, che stava preparando lo sbarco in molti paesi europei, aveva trovato come locale proprio quello qui citato.

Una cosa simile accadde in Francia: un ristorante fu aperto nel 1972 a Créteil, cittadina a sud di Parigi, ma secondo l'azienda il primo fu quello di Strasburgo, inaugurato nel 1979, e anche in questo caso una targa lo ricorda.

Nel 1994 arriva il servizio automobilistico McDrive, il primo è aperto nella Capitale.
Il 1995 segna una svolta per McDonald's Italia, con l'acquisizione della principale società concorrente avente 80 ristoranti nella penisola, l'italiana Burghy, di proprietà della Cremonini S.p.A.

Con tale accordo, l'azienda emiliana diventa l'unico fornitore di carne bovina per l'azienda statunitense in Italia, e la concederà anche per altre nazioni.

Nel 2006 McDonald's Italia introduce per la prima volta il servizio McCafé.

A causa di continue pressioni sul gruppo a livello mondiale da parte di associazioni di consumatori e ambientalisti, nel 2011 anche la filiera italiana si adegua alle politiche di trasparenza ambientale e culinaria, permettendo ai clienti di accedere all'elenco dei produttori, alla tracciabilità dei prodotti e alla territorialità degli ingredienti.

Nel 2014, la catena possiede oltre 500 ristoranti, presenti dallo stesso anno in tutte le regioni italiane, e impiega direttamente 18.550 lavoratori.

Nel 2015 l'azienda concede a Google di "entrare" nei suoi ristoranti con Google Street View, e introduce il servizio al tavolo.

Nel 2015 McDonald's Italia è Official Sponsor di Expo 2015 con un padiglione affacciato sul Decumano, comprendente anche un ristorante.

La scelta dell'organizzazione di Expo di avere come sponsor e quindi ospitare un locale della multinazionale del fast food ha causato alcune polemiche soprattutto da parte di Slow Food con relativa risposta di McDonald's.

Alla fine del 2015 la società introduce nei propri locali la possibilità di ordinare con gli smart tab dove è anche possibile pagare con bancomat e carte di credito anche contactless, e creare panini personalizzati; il pagamento in contanti però deve essere effettuato alla cassa.

Insomma, nonostante le varie critiche, McDonald's continua ad essere una gran bella realtà.